Art Multiservizi di Warin Dusatti Perito Esperto iscritto alla CCIAA di TN Categoria XXII - 3. Antichità e oggetti d’arte Consulente tecnico del Giudice del Tribunale di Rovereto Via Orefici, 3 - 38068 Rovereto (TN) Tel. 0464 755 652. Mobile 344 247 3823 info@artmultiservizi.it - Pec: dusatti.warin@pec.photopix.it P.Iva 02364460226 - C.F. DSTWRN73L31H612H Iscrizione REA: TN-219015
Archivio pittori trentini - Luigi Vicentini
Luigi Vicentini (1901 - 1970) Nato   a   Pomarolo   nel   1901,   iniziò   a   palesare   la   sua   precoce   inclinazione   artistica   già   a   scuola,   disegnando   su   libri   e quaderni qualunque cosa lo colpisse. Ed   il   suo   maestro   -   tale   Beghella   -   lo   incoraggiò   ad   approfondire   quella   naturale   predispo-sizione   tanto   che   verso   i diciotto   anni   avendo   compreso   che   al   paese   natio   avrebbe   potuto   fare   solo   il   contadino   fece   fagotto   e   se   ne   andò   a Milano   alla   ricerca   di   «esperienza». All'inizio   lavorò   come   aiuto   di   un   mercante   d'arte   (Wilmann)   che   aveva   bottega   in   via dell'Orso,   quindi,   avendo   compreso   che   l'arte   oltre   che   comprarla   e   venderla   bisognava   anche   «praticarla»,   si   iscrisse alla   Scuola   d'   Arte   Applicata   del   Castello   Sfor-zesco,   avendo   come   insegnante   il   prof.   Albertini,   e   infine   si   trasferì all'Accademia   di   Brera   dove   conobbe   artisti   del   calibro   di   Palanti,   Grandi   e   Comolli.   Dopo   cinque   anni   di   studi   seguiti   con dedizione   ma   anche   con   grandi   difficoltà   economiche,   fu   chiamato   a   Legnano   per   collaborare   con   il   prof.   Turri   che   stava lavorando   alle   decorazioni   del   Duomo,   una   breve   parentesi   che   però   lo   arricchì   di   importanti   esperienze   di   lavoro   «sul campo».   Poi,   verso   il   1927,   ritornò   a   Milano   dove   la   sua   opera   era   questa   volta   richiesta   dal   prof.   Marchioro,   per collaborare   alla   realizzazione   delle   scenografie   del Teatro   della   Scala.   In   quel   periodo   milanese,   conobbe   e   frequentò   altre   personalità   come il   Rovescalli,   Rota,   Caramba,   Leonardo   di   Lazzaro,   Virgilio   da   Pavia   ed   il   futurista   Cesare   Andreoni   con   il   quale   ebbe   anche   molti   scontri ideologici   su   arte   d'avanguardia   e   arte   della   classicità.   Ma   tutte   queste   esperienze   non   lo   soggiogarono,   tant'è   che   nel   1928   nonostante   la prospettiva   di   una   brillante   carriera   come   scenografo,   si   trasferì   sulla   riviera   ligure,   alle   Cinque   Terre.   E   fu   proprio   laggiù,   sulle   rive   di Portofino,   S.   Margherita   e   Zoagli,   che   videro   la   luce   i   suoi   primi   quadri   di   pittore   non   decorativo,   ma   di   artista   en   plein   air.   Ma   anche   questa volta,   dopo   un   anno   di   quella   vita,   se   ne   ritornò   nuovamente   a   Milano,   che   usò   però   solo   come   base   per   frequenti   puntate   in   Brianza,   sino ad   Erba   e   Ponte   Lambro,   dove   si   ritrovò   con   entusiasmo   a   dipingere   quelle   montagne   che   gli   ricordavano   quelle   della   sua   Vallagarina.   Le gratificazioni,   già   allora,   erano   poche:   il   suo   verismo,   quasi   didascalico,   non   riusciva   a   fare   breccia   in   un'area   artisticamente   già   smaliziata alle   offerte   della   grande   metropoli.   Così,   nel   1929,   dopo   due   anni   di   quella   vita   e   dopo   una   breve   puntata   a   Venezia,   rientrò   tra   le   sue montagne,   quelle   montagne   che   appunto   i   lavori   del   precedente   biennio   già   reclamavano   con   forza,   se   non   quasi   con   nostalgia.   E   in   quello stesso 1929 si presentò a Rovereto con una mostra personale dei suoi migliori lavori, proprio per affrontare subito il pubblico locale. Ricordava   Talieno   Manfrini   di   averlo   conosciuto   proprio   in   quella   circostanza,   allorché   si   ritrovò   a   commentare   benevolmente   ed   a   voce   alta un   suo   lavoro.   Vi   era   infatti   esposto   uno   scorcio   di   paese   con   una   facciata   di   casa   rugosa   e   d'un   bianco   talmente   intenso   da   sembrare sgretolarsi   al   sole.   «Un   bianco   che   ti   fa   sudare»,   commentò   con   spontaneo   entusiasmo Talieno   Manfrini,   al   quale,   da   dietro   le   spalle,   I'autore replicò   con   un   «E'   giusto!   C'è   la   violenza   dell'estate   sui   nostri   monti».   Inutile   dire   che   da   quel   momento   i   due   divennero   amici,   e   il   primo seguì   con   via   via   la   carriera   dell'altro   non   solo   con   ammirazione   ma   anche   con   commozione   proprio   in   virtù   della   disarmante   «semplicità» della sua pittura. Ma   Luigi   Vicentini   si   guadagnò   ben   presto   anche   le   simpatie   degli   artisti   locali,   soprattutto   di   Elio   Martinelli,   Giovanni   Tiella   e   Diego   Costa,   il quale,   in   una   sua   memoria   ricordava   con   grande   entusiasmo   la   VII   Esposizione   d'   Arte   Roveretana,   tenuta   a   Rovereto   nel   dicembre   del 1930 che appunto aveva definito «la mostra che ha lanciato Luigi Vicentini». In   quell'esposizione   collettiva   che   proponeva   il   meglio   delle   giovani   promesse   artistiche   locali,   Vicentini   era   infatti   presente   con   ben   cinque opere.   Oltre   all'inusitata   audacia   degli   accostamenti   cromatici   vi   era   anche   il   suo   abile   senso   compositivo,   di   natura   fortemente   scenografica, con   cui   ordinava   le   sue   opere   e   che   certamente   era   il   retaggio   delle   sue   esperienze   milanesi.   Quanto   allo   stile,   a   quel   tempo   Vicentini   si rifaceva   molto   alle   esperienze   divisioniste,   con   echi   da   certo   Segantini,   come   pure   dal   Lasta   del   primo   periodo:   insomma,   una   tavolozza ricca   di   forti   suggestioni,   di   scarti   tonali   a   tinte   pure,   ed   un   impasto   fortemente   lavorato   ed   allo   stesso   tempo   preciso   nella   stesura.   L'anno seguente   sarà   ancora   la   volta   della   collettiva   degli   artisti   roveretani   che   lo   vedrà   tra   i   protagonisti,   ma   sarà   piuttosto   la   sua   seconda   mostra personale,   tenuta   nelle   sale   della   Galleria   dell'Iva   (novembre   1931)   a   suscitare   le   critiche   lusingiere   da   parte   della   critica   ufficiale.   II quotidiano   «Il   Brennero»   del   19   novembre   dedicò   infatti   ampio   spazio   a   quella   mostra   in   quanto   l'artista   era   in   un   certo   senso   "atteso   al varco",   ovvero   alla   verifica   dei   "si   dice",   e   dell'effettiva   bontà   di   cui   si   andava   mormorando   grazie   alle   partecipazioni   a   mostre   collettive.   Ma ora,   di   fronte   ad   una   raccolta   corposa   delle   sue   opere   non   era   più   possibile   non   esprimere   un   giudizio,   che   peraltro   fu   positivo   ma   con   una riserva,   ovvero   con   una   speranza   che   il   Vicentini   non   si   facesse   corrompere   dal   gusto   degli   acquirenti,   mitigando   quella   sua   prorompente vitalità cromatica, quella sua tavolozza così audace. Su   di   una   linea   di   una   crescente   popolarità   tra   il   pubblico   dei   cultori   d'arte   ed   un   altrettanta   crescita   di   consenso   critico,   si   snocciolano   gran parte   degli   anni   Trenta,   nel   corso   dei   quali   Vicentini   è   presente   alle   principali   mostre   collettive   regionali   ed   anche   extraregionali,   come   ad esempio   alla   collettiva   d'   arte   Partenopea   del   1933,   oppure   il   Concorso   del   «Premio   della   Montagna»   tenuto   a   Cortina   nel   1934,   che   lo   vede vincitore,   oppure   ancora   la   collettiva   alla   Casa   degli   Artisti   di   Milano,   dove   ritrova   gli   amici   che   Io   scoprono   non   più   decoratore   ma   bensì pittore.   La   produzione   di   quegli   anni   è   caratterizzata   da   una   coerente   e   decisa   fedeltà   alla   sua   linea   di   un   verismo   quasi   panteista,   una trasfigurazione   della   Natura   nell'arte   che   per   il   Vicentini   è   divenuta   modus   vivendi   et   operandi.   Una   linea   che   non   cederà   neanche   alle suggestioni   del   premio   Cremona   e   delle   sue   emulazioni   regionali   in   chiave   sindacale.   E   Vicentini   piuttosto   che   lavorare   "a   bacchetta"   e cimentarsi   con   le   volitive   "mascelle   del   Duce"   o   sulle   epiche   "battaglie   del   grano",   decide   di   andarsene,   di   emigrare   proprio   nella   tana   del lupo:   Germania   ed   Austria   che   girovagò   incessantemente   tra   il   1939   ed   il   1947,   esponendo   nelle   principali   città,   da   Monaco   a   Wuppertal, Brema,   Hannover,   Amburgo,   Vienna   ed   infine   Innsbruck   (nell'   aprile   del   1947).   Al   suo   rientro,   subito   la   volontà   di   ripresentarsi   al   pubblico, per   vedere   se   era   stato   dimenticato,   se   ancora   piaceva   il   suo   lavoro,   o   solo   per   ricordare   che   era   tornato,   tornato   una   seconda   volta.   E dunque   la   sua   prima   personale   del   dopoguerra   vide   la   luce   in   una   nuova,   per   lui,   sala   espositiva:   la   giovane   Galleria   Delfino,   fondata   dal critico   Enrico   Gaifas   Jr.   E   ancora   una   volta   è   l'incontro   con   Talieno   Manfrini   nel   quale   ritrova   un   amico   ma   anche   il   benevolo   recensore   della mostra   («Luigi   Vicentini   pittore   della   montagna»).   Manfrini   già   allora   dava   quel   taglio   che   poi   via   via   riconfermerà   in   merito   all'   arte   di   Luigi Vicentini   e   cioè   di   una   personalità   che   in   mezzo   «all'esasperata   ricerca   di   forme   ed   orizzonti   nuovi,   qualcuno   è   pur   rimasto   fedele   in   pittura, alla   scuola   ottocentesca   e   ne   ha   conservato   la   visione».   Ma,   avvertiva   Manfrini,   vi   era   dell'altro   in   Vicentini   oltre   al   colore,   prima   della   tecnica e   ben   prima   di   piani   e   volumi,   un   qualcosa   che   dà   il   sostrato   essenziale   all'opera   d'   arte:   la   sofferen-za.   «Sofferenza   d'anni   di   ricerche   e   di studio,   sofferenza   che   non   è   mai   sconforto,   ma   lotta,   esperienza   maturata   con   tenacia.   E   Vicentini   la   sua   arte   l'ha   vissuta   così».   Nel   1950, dopo   alcune   altre   esposizioni   locali   (tra   le   quali   quella   importante   al   Padiglione   del   Turismo   di   Trento   a   cavallo   del   1948/49),   è   la   volta   del nuovo   ritorno   a   Milano.   Ormai,   la   sua   arte   ha   trovato   in   sede   critica   e   pubblica   una   sua   precisa   collocazione,   che   Manfrini   ha   ben evidenziato:   egli   è   il   "pittore   della   montagna".   E   dun-que   quale   miglior   sede   se   non   quella   del   C.A.I.,   il   Club Alpino   Italiano,   dove   ha   modo   di esibire   una   trentina   delle   sue   migliori   opere,   introdotte   da   un   altro   critico   roveretano   Carlo   Piovan.   Ed   anche   Piovan   rimarcò   la   scelta controcorrente   dell'artista   sin   dai   suoi   esordi   all'inizio   degli   anni   Trenta:   «era   il   peggio   che   allora   potesse   capitare:   in   un   tempo   di   piena rivolta contro il cosiddetto verismo, una piccola mostra di un vedutista provinciale. Eppure,   fra   i   suoi   quadri   che   allora   suscitarono   scarso   interesse   anche   tra   i   conservatori   ad   oltranza,   ve   n'era   due   o   tre   che   erano   impastati d'impeto   sentimentale   e   che   potevano   far   sperare   di   lui».   Insomma,   per   Manfrini   era   la   «sofferenza»,   per   Piovan   l'«impeto   sentimentale», ma   comunque   era   indubitabile   che   il   Vicen-tini   nelle   sue   vedute   veriste   e   in   un   certo   senso   passatiste   (per   dirla   con   i   futuristi)   vi   metteva   dell 'altro,   cioè   quel   vecchio   e   buon   «qualcosa   in   più»   che   faceva   sostare   per   lunghi   e   silenziosi   minuti   il   pubblico   davanti   alle   sue   opere   migliori. La   mostra   di   Milano,   inoltre,   Io   aveva   posto   di   nuovo   su   di   una   ribalta   nazionale,   con   benevole   recensioni   apparse   sui   migliori   quotidiani,   e questo   gli   aveva   ridato   fiducia   nei   suoi   mezzi.   Così,   già   nel   1953,   ritorna   in   terra   lombarda,   a   Lecco,   per   l'importante   rassegna   dei   pittori   di montagna.   E'   del   resto   un   argomento   a   lui   caro,   se   non   proprio   una   ragione   di   vita.   Poche   le   figure   e   la   nature   morte   nella   sua   produzione; tanti,   tantissimi,   invece,   i   paesaggi,   specie   alpini,   estivi   od   invernali,   non   importa,   purché   alpini.   E,   come   appunto   aveva   notato   ancora   Carlo Piovan,   nella   presentazione   alla   mostra   tenuta   nel   1959   nella   sede   degli   Scout   G.E.I.   di   Rovereto,   Vicentini   aveva   un   vero   e   proprio trasporto   panteistico   per   la   natura,   un   po'   come   i   veri   scout.   Quando   era   là,   immerso   nel   verde   di   un   bosco,   gli   importava   solo   la   pittura   in   e per sé, «senza nemmeno pensare che i quadri si possono vendere». Nel   maggio   del   1961   si   ripresenta   a Trento,   alla   Camera   di   Commercio,   con   un'importante   rassegna   di      opere   (ben   62)   tutte   dedicate   al   Lago di   Caldonazzo.   Accompagna   la   mostra   un   corposo   catalogo   edito   dall'Azienda   Autonoma   di   Turismo   del   capoluogo   e   curato   da   Mario   G. Paoli   che   ne   avvia   un   primo   regesto   critico   e   bio-bibliografico,   pur   con   tutti   i   limiti   della   metodologia   storiografica   del   tempo.   S'intravede   però già   allora   come   il   retroterra   di   questo   artista,   apparentemente   rude   e   dimesso,   sia   di   tutto   rispetto,   di   come   la   sua   possa   veramente   definirsi una   «lunga   carriera»,   con   praticantati   di   vario   tipo,   e   con   una   esperienza   sul   campo   dell'arte   invidiabile.   Gli   anni   Sessanta,   scalano lentamente con una serie di mostre a tema, spesso dedicate agli «alberi» seguendo in ciò il suo innato amore per la natura    E'   questo   un   Vicentini   che   si   avvicina   sempre   più   alle   cose,   proprio   in   termini   di   approccio   visuale   e   di   taglio   compositivo,   ed   Intatti   al   largo respiro   delle   sue   vedute   panoramiche,   su   valli   o   gruppi   montagnosi,   si   sostituisce   ora   Io   sguardo   ravvicinato:   quasi   un'esplorazione   virtuale, un   cercare   di   «entrare»   fisicamente   nell'immagine   che   si   sta   dipingendo.   Solo   in   questa   ottica   sono   comprensibili   quei   primi   piani   ravvicinati di   tanti   tronchi   di   betulle,   un   albero   che   in   questo   periodo   lo   affascina   particolarmente.   E   si   tratta   di   un   «taglio»   che   se   a   prima   vista   può sembrare   fotografico,   e   moderno,   ha   in   realtà   le   sue   radici   in   quelle   analoghe   composizioni   che   Gustav   Klimt   dedicava   al   sottobosco   di abetaie   e   faggeti,   proprio   all'inizio   del   secolo.   Insomma,   quello   di   Vicentini   è   il   recupero,   in   chiave   contemporanea,   di   una   solida   tradizione   di visione Jugendstil, spesso asimmetrica, ovvero sbilanciata in senso verticale. Dopo   la   sua   morte,   avvenuta   nel   1970,   è   ancora   l'amico   Talieno   Manfrini   che   lo   ricorda   in   alcune   importanti   rassegne,   come   quella   tenuta dalla   Galleria   Pancheri   nel   decimo   anniversario   della   sua   scomparsa   (1980)   oppure   quella   che   Io   rivede   protagonista   nella   sua   Nomi   (1984), con tutta l'ufficialità che si conviene ad un cittadino illustre. Da:”Luigi Vicentini. Opere 1930 - 1970”. A cura di Murizio Scudiero. Galleria d’Arte Dusatti, 1996.
©2015 - 2018 Art Multiservizi tutti i diritti riservati
Opere in archivio
Art Multiservizi di Warin Dusatti Perito Esperto iscritto alla CCIAA di TN Categoria XXII - 3. Antichità e oggetti d’arte Consulente tecnico del Giudice Tribunale di Rovereto Via Orefici, 3 - 38068 Rovereto (TN) Tel. 0464 755 652. Mobile 344 247 3823 info@artmultiservizi.it - Iscrizione REA: TN-219015 Pec: dusatti.warin@pec.photopix.it P.Iva 02364460226 - C.F. DSTWRN73L31H612H
Archivio Luigi Vicentini
Luigi Vicentini (1901 - 1970) Nacque   a   Pomarolo   nel   1901   e,   giovanissimo, iniziò    a    disegnare    e    colorare    sui    quaderni qualsiasi cosa lo colpiva. Il   suo   maestro,   tale   Baghella,   lo   incoraggiò   ad approfondire     quell’inclinazione     artistica     tanto che   verso   i   diciott’anni   fece   fagotto   e   se   andò   a Milano.   Là,   dopo   alcuni   lavori,   si   iscrisse   alla Scuola   d’Arte   Applicata   del   Castello   Sforzesco, seguendo   i   corsi   del   prof.   Albertini.   In   seguito   si trasferì   a   Brera,   dove   conobbe   il   Palanti,   Grandi ed    il    Comolli.    Dopo    cinque    anni    di    studi    fu chiamato   a   Legnano   per   collaborare   con   il   prof. Turri   alle   Decorazioni   del   Duomo.   Verso   il   1927 tornò   a   Milano   chiamato   dal   prof.   Marchioro   per collaborare   alla   realizzazione   delle   scenografie per il Teatro della Scala. Nel    1928    si    trasferì    sulla    riviera    ligure,    alle Cinque     Terre,     e     fu     proprio     laggiù,     verso Portofino,   che   videro   luce   le   sue   prime   opere   di arte   non   decorativa,   ma   di   artista   paesaggista en   plein   air.   Dopo   un   anno   di   Liguria   se   ne   tornò a    Milano    che    usò    come    base    per    frequenti puntate   in   Brianza   dove   si   scoprì   entusiasta   nel dipingere   quelle   montagne   che   gli   ricordavano tanto la Vallagarina. Le   gratificazioni   allora   erano   poche   e   così,   dopo una   breve   puntata   a   Venezia,   nel   1929,   decise di rientrare definitivamente in Trentino. Già   nello   stesso   anno   espose   a   Rovereto   con una     mostra     personale,     ma     il     suo     “lancio” definitivo     fu     con     la     VII     Esposizione     d’Arte Roveretana   del   1930   che   Diego   Costa   in   un   suo appunto    aveva    definito    “la    mostra    che    aveva lanciato Vicentini”. Con   gli   anni   Trenta   Vicentini   avviò   un   sodalizio d’arte   che   lo   vedeva   pittore   en   plein   air,   quasi sempre     in     uscita     assieme     agli     amici     Elio Martinelli,    Diego    Costa,    Giuseppe    Balata    e Mario   Barozzi.   Prediligendo   i   paesaggi   montani e    la    Natura    in    tutte    le    sue    manifestazioni,    si ritrovò   spesso   a   viaggiare   sulle   Dolomiti,   con   la tavolozza, tavolette e colori in saccoccia. In    particolare    prediligeva    l’area    ladina,    che ritrasse   in   molteplici   visioni.   Lavorò   ed   espose con     regolarità     sino     ai     tardi     anni     Sessanta immortalando     con     entusiasmo     ogni     aspetto naturalistico del Trentino. Morì a Nomi nel 1970.
Opere in archivio
©2015 - 2018 Art Multiservizi