Art Multiservizi di Warin Dusatti Perito Esperto iscritto alla CCIAA di TN Categoria XXII - 3. Antichità e oggetti d’arte Consulente tecnico del Giudice del Tribunale di Rovereto Via Orefici, 3 - 38068 Rovereto (TN) Tel. 0464 755 652. Mobile 344 247 3823 info@artmultiservizi.it - Pec: dusatti.warin@pec.photopix.it P.Iva 02364460226 - C.F. DSTWRN73L31H612H Iscrizione REA: TN-219015
Archivio pittori trentini - Attilio Lasta
Attilio Lasta (1886 - 1975) Attilio   Lasta   nasce   a   Villa   Lagarina   (Trento)   il   27   aprile   1886,   da   una   famiglia   benestante.   Nel   1900,   dopo   aver frequentato   le   Scuole   Popolari,   assieme   alla   sorella   Maria   si   reca   a   studiare   nel   collegio   di Amras,   presso Abfalterschch, nel   Tirolo   orientale,   iscrivendosi   al   corso   professionale   di   artigianato   e   pittura.   Durante   questi   anni   concorre   al   Premio della   Dieta   di   Vienna,   vincendo   un   diploma   e   300   corone   grazie   ad   un   disegno   ad   olio.   Nel   1902   ritorna   a   Villa   Lagarina, iniziando   ad   esporre.   Nello   stesso   anno   partecipa   a   Verona   ad   una   mostra   collettiva   tenuta   al   Palazzo   della   Gran Guardia.   Nel   1906   si   trasferisce   a   Milano   frequentando   lo   studio   di   Cesare   Tallone,   insegnante   a   Brera,   famoso paesaggista   e   ritrattista.   Nella   città   lombarda   conosce   Bartolomeo   Bezzi   e   Filippo   Carcano.   Segue   gli   artisti   legati all’Arte    Nuova    e    quelli    della    Scapigliatura.    Rimane    affascinato    dalle    opere    di    Giovanni    Segantini,    di    cui    subisce l’influenza   cromatica.   Intraprende   un   viaggio   a   Maloja,   in   Svizzera,   per   meditare   sulla   tomba   dell’artista   trentino.   Nel 1910   si   reca   a   Verona   per   mostrare   i   suoi   lavori   alla   Galleria   La   Gran   Guardia,   diretta   dal   maestro   Carlo   Donati:   ne vengono   accettati   due,   Vecchi   roveri   e   Chiaro   di   luna.   Nel   1912   fu   richiamato   a   Venezia   da   Nino   Barbantini,   segretario dell’Opera   Bevilacqua   La   Masa,   per   far   parte   del   gruppo   degli   artisti   che   esponevano   a   Ca’   Pesaro,   dove   espose   anche   nel   1913.   L’anno seguente   è   invitato   a   Roma   alla   Mostra   della   Secessione   Romana.   Qualche   mese   prima   era   a   Venezia   alla   mostra   organizzata   dagli   artisti respinti   dalla   Biennale,   mostra   tenutasi   presso   i   saloni   dell’Hotel   Excelsior.   Allo   scoppio   della   Prima   Guerra   Mondiale   –   siamo   nel   1914   viene   arruolato   nell’esercito   austroungarico.   Dopo   numerosi   spostamenti   lo   troviamo   a   Wels,   in   Bassa Austria,   assieme   a   Luigi   Ratini,   dove esercita   la   pittura   come   “Kriegsmaler”,   pittore   di   guerra.   Nel   1918   gli   artisti   appartenenti   all’“Ersatzbataillon”   espongono   le   loro   opere   nella Volkshalle   di   Wels.   Ritornato   in   patria   trascorre   il   tempo   tra   Villa   Lagarina   e   Cles,   in   val   di   Non,   dove   abita   il   fratello,   dipingendo   case rustiche   di   montagna   e   dedicandosi   completamente   al   paesaggio.   Nel   1928   viene   assunto   come   impiegato   alla   Banca   Popolare   di   Villa Lagarina   e   abbandona   l’attività   pittorica.   La   riprende   nel   1932   dopo   aver   lasciato   il   posto   di   lavoro.   Incomincia   a   dipingere   nature   morte.   Nel frattempo   intensifica   le   esposizioni   personali   e   collettive.   Nel   1946   lo   troviamo   alla   “Mostra   della   Pittura   Trentina   dell’800   e   del   ‘900”,   tenuta al   Castello   del   Buonconsiglio   a   Trento.   Divenuto   una   celebrità   in   regione,   si   ritira   a   Villa   Lagarina,   continuando   a   lavorare   e   dedicandosi esclusivamente alle nature morte. Nel 1971 il comune di Villa Lagarina allestisce una sua esposizione antologica. Muore il 20 gennaio 1975, alla vigilia dei novant’anni. Estratto da «Attilio Lasta - Catalogo Generale Vol. 1»  a cura di Warin Dusatti, Edizioni d’Arte Dusatti, 2018
©2015 - 2018 Art Multiservizi tutti i diritti riservati
Opere in archivio
Paesaggi ed interni Nature morte Figure religiose Pastelli, acquerelli, studi ed abbozzi
Art Multiservizi di Warin Dusatti Perito Esperto iscritto alla CCIAA di TN Categoria XXII - 3. Antichità e oggetti d’arte Consulente tecnico del Giudice Tribunale di Rovereto Via Orefici, 3 - 38068 Rovereto (TN) Tel. 0464 755 652. Mobile 344 247 3823 info@artmultiservizi.it - Iscrizione REA: TN-219015 Pec: dusatti.warin@pec.photopix.it P.Iva 02364460226 - C.F. DSTWRN73L31H612H
Archivio Attilio Lasta
Attilio Lasta (1886 - 1975) Nacque a Villa Lagarina il 27 aprile 1886. Fin   dalla   prima   gioventù   si   appassionò   all’arte, seguendo   l’opera   di   Eugenio   Prati.   Nel   1900, dopo   aver   frequentato   le   Scuole   Popolari,   seguì un   corso   professionale   di   artigianato   e   pittura ad   Amras,   in   Tirolo.   Nel   1902   iniziò   ad   esporre, a    Verona,    in    una    mostra    collettiva    tenuta    al Palazzo   della   Gran   Guardia,   poi,   nel   1906,   si trasferì    a    Milano    dove    frequentò    lo    studio    di Cesare Tallone:   là   incontrò   il   conterraneo   Barto - lomeo   Bezzi   ed   il   Carcano.   In   seguito   andò   a Venezia,    dove    incontrò    Moggioli,    Garbari    e Roberto   Baldessari.   Nel   1910   andò   a   Verona per   esporre   alla   Società   di   Belle   Arti.   Nel   1912 fu   richiamato   a   Venezia   da   Nino   Barbantini   per entrare   nel   gruppo   degli   artisti   che   esponevano a   Ca’   Pesaro,   dove   espose   anche   nel   1913.   Nel 1914   fu   invitato   alla   Mostra   della   Secessione Romana    mentre    in    aprile    aveva    esposto    a Venezia    alla    Mostra    degli   Artisti    Rifiutati    alla Biennale. Al   rientro   in   Italia   dopo   la   guerra   iniziò a   lavorare   con   impegno   al   paesaggio,   a   sog - getti   religiosi,   ed   in   seguito   alla   natura   morta che    poi    divenne    il    suo    cavallo    di    battaglia    e motivo   di   grande   fama   specie   dagli   anni   Trenta in   poi.   Ormai   divenuto   una   celebrità   locale,   nel suo   ritiro   di   Villa   Lagarina   (TN)   proseguì   a   lavo - rare sino alla morte.
Opere in archivio
Paesaggi ed interni Nature morte Disegni, pastelli, acquerelli Figure Soggetti religiosi
©2015 - 2018 Art Multiservizi